Lettera aperta ai leader: parlare della razza

( Dr. Linet Mera) (30 luglio 2020)

Ehi,

È difficile parlare di razza. È. È difficile parlare di razza quando tutto ciò che sai e tutto ciò che hai costruito è stato innovazione, prodotti, scienza, apprendimento. È difficile parlare di razza quando sei cresciuto senza queste conversazioni. È difficile parlare di razza quando tutto quello che sapevi è che parlare di razza è un tabù. Non esiste un MBA, un dottorato di ricerca, un MD o qualsiasi altra laurea che possa prepararti per questo momento.

Sono il direttore esecutivo del progetto Unconscious Bias, unorganizzazione dedicata ad aiutare le organizzazioni a risolvere pregiudizi e pregiudizi inconsci e sono qui per dirti che va bene dire che è difficile parlarne.

In questo momento è il momento in cui la tua gente, i tuoi team e i tuoi volontari hanno più bisogno di te. Hai avuto la leadership, le capacità, il know-how per far progredire il tuo gruppo, indipendentemente dal fatto che tu sia imprenditoriale, di scala o di mantenimento. Il tuo team, la tua azienda e la tua organizzazione ti cercano risposte.

Va bene non sapere cosa fare per fare le cose meglio. Ti scrivo per dirti che puoi ancora guidare attraverso questa
Citazione: “Va bene non sapere cosa fare per migliorare le cose. Ti scrivo per dirti che puoi ancora guidare attraverso questo. “

Non devi avere tutte le risposte. Va bene lottare per parlare di razza. Va bene non sapere cosa dire quando si perde unaltra vita nera. Va bene non sapere cosa fare per migliorare le cose.

Ti scrivo per dirti che puoi continua a guidare in tutto questo.

Tu puoi parlare di razzismo. A volte avrai ragione ea volte sbaglierai. Quando sbagli, la cosa più forte che puoi fare è presentarti come leader ascoltando con umiltà.

La prima cosa che puoi fare è comunicare con compassione, onestà, vulnerabilità e verità. Lo so, non cè nessun capitolo su questo nel tuo manuale aziendale. Indovina un po , il 2020 era in zero manuali. Forse stai redigendo una dichiarazione BLM, fantastico. Hai parlato anche con i tuoi dipendenti?

“Beh, ho detto ai miei dipendenti che cosa è successo a George Floyd è stato terribile e che siamo dalla diversità, ma non so cosa fare dopo. “

Assicurati che i tuoi dipendenti si sentano supportati. Se tieni veramente alla tua gente, ora è il momento di entrare in contatto con loro ed essere lì per loro. Devi farlo ora, e non solo per i tuoi dipendenti Black and Brown, ma per tutti nella tua azienda. Nelle parole di Dr. Tiffany Jana , “le persone non lavorano da casa, cercano di lavorare a casa durante una pandemia, con i loro figli, durante il più grande movimento per i diritti civili del nostro tempo.”

significa che devi metterti in contatto ed essere in grado di:

– Sbagli

– Ascolta le critiche

– Ammetti i tuoi errori e impara da loro

– Fai il tuo apprendimento e crescita

– Sii pronto ad ascoltare ciò di cui i tuoi dipendenti hanno bisogno e trova un modo per integrarlo nel tuo piano strategico

– Partecipa un viaggio ininterrotto di apprendimento e azione.

Questo è un breve inizio di un elenco molto più lungo e può essere molto da affrontare se non hai mai lavorato sulla giustizia sociale o sulla diversità più di solo lavorare con le risorse umane. Indovina un po? Ci sono un sacco di libri, professionisti e gruppi di lavoro che hanno anni di esperienza su come comprendere e consigliare gli altri sullapplicazione di quadri antirazzisti, su come interrompere la cultura aziendale oppressiva, su come portare queste conversazioni tanto necessarie in ambienti che non hanno ancora impegnati.

Il fatto è che, qualunque cosa faccia la tua organizzazione o quali siano le tue identità, in realtà hai un ruolo da svolgere. Hai un ruolo da svolgere con le tue parole e, soprattutto, con le tue azioni.

Non cadere nella trappola di pensare che una sola dichiarazione BLM e la donazione sia sufficiente per fare la tua parte. Non pensare che leggere un libro anti-razzismo (anche se estremamente informativo e potente) sia sufficiente per cambiare tutto. Non pensare che un solo seminario sulla diversità sia sufficiente per risolvere secoli di oppressione e colonialismo. Sono ottimi punti di partenza, ma non sono sufficienti. Nelle parole della studentessa di dottorato Cecilia Caballero , “non puoi intellettualizzare il razzismo”.

Proprio come ti sei dedicato per diventare il migliore nel tuo campo, avere le idee migliori ed essere il miglior stratega, devi prendere un impegno a lungo termine qui per te stesso, la tua carriera e le persone che guidi.

Rimani sintonizzato per il prossimo nella nostra serie di lettere per i leader “Da dove cominciare” il mese prossimo.Sii il primo in fila per ricevere la prossima lettera tramite la nostra mailing list .

Questo articolo fa parte delle nostre risorse gratuite per il pubblico #TogetherAgainstBias . Trova altre risorse sul nostro sito web , inclusi podcast, video e altri articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *